SOLUZIONI DELLA II SESSIONE 2007: PROVA D'ESAME DEL 6 LUGLIO 2007

le risposte esatte sono in grassetto

1) In caso di percezione di compensi o di finanziamenti dall’investitore da parte del promotore finanziario, quale delle seguenti sanzioni è prevista ai sensi del regolamento Consob n. 11522/1998?

A) Il richiamo scritto;

B) La radiazione dall’albo;

C) La sanzione amministrativa pecuniaria;

D) La sospensione dall’albo da uno a quattro mesi.

2) Il prezzo di una opzione europea è:
A) sempre proporzionale all’inverso del prezzo dell’attività sottostante;

B) una funzione crescente della volatilità dell’attività sottostante;

C) indipendente dal prezzo dell’attività sottostante;

D) una funzione decrescente del prezzo dell’attività sottostante.

 

3) Ove l’offerta fuori sede abbia per oggetto i servizi di investimento prestati da altri intermediari, le imprese di investimento e le banche devono essere autorizzate allo svolgimento del servizio di:

A) collocamento;

B) negoziazione per conto proprio;

C) negoziazione per conto terzi;

D) gestione su base individuale di portafogli di investimento per conto terzi.

 

4) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, l’insolvenza di mercato dei soggetti ammessi alle negoziazioni nei mercati regolamentati è dichiarata:

A) dalla Consob;

B) dalla società di gestione del mercato;

C) dal Ministro dell’economia e delle finanze;

D) da un commissario nominato dal tribunale fallimentare.

 

5) Con il termine “mercato secondario” si intende:

A) il mercato in cui vengono scambiati strumenti finanziari già emessi;

B) un mercato di scambio di strumenti finanziari “illiquidi”;

C) il mercato in cui hanno luogo le compensazioni di strumenti finanziari;

D) il mercato in cui vengono scambiati strumenti finanziari di prima emissione.

 

6) A norma del codice civile, il contratto di assicurazione è nullo:

A) solo se il rischio ha cessato di esistere prima della conclusione del contratto e non anche se il rischio non è mai esistito;

B) solo se il rischio non è mai esistito e non anche se il rischio ha cessato di esistere prima della conclusione del contratto;

C) se il rischio non è mai esistito o ha cessato di esistere prima della conclusione del contratto;

D) se il rischio ha cessato di esistere dopo la conclusione del contratto.

 


7) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, le SGR:

A) possono istituire ma non possono gestire fondi pensione;

B) possono istituire e gestire fondi pensione;

C) possono gestire ma non possono istituire fondi pensione;

D) possono soltanto gestire i fondi pensione istituiti da imprese di assicurazione.

 

8) La curva dei rendimenti per scadenza:

A) è calcolata solamente sulla base dei tassi di interesse dei pronti contro termine;

B) è sempre inclinata positivamente;

C) definisce l’evoluzione del tasso di interesse al variare della maturity delle obbligazioni;

D) è sempre inclinata negativamente.

 

9) Ai sensi del regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A., per certificatessi intendono:

A) i titoli azionari;

B) i certificati di deposito;

C) le obbligazioni a tasso fisso;

D) gli strumenti finanziari derivati cartolarizzati, diversi dai covered warrant.

 

10) Ai sensi dell’art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998, la Consob irroga la sanzione della sospensione dall’albo da uno a quattro mesi nei confronti del promotore finanziario che:

A) svolge l’attività di offerta fuori sede per conto di soggetti non abilitati;

B) non comunica alla competente commissione regionale i luoghi di conservazione dei contratti promossi per il suo tramite;

C) trasmette alla Consob documenti non rispondenti al vero;

D) viola l’obbligo di riservatezza sulle informazioni acquisite dagli investitori.

 

11) Ai sensi del regolamento Consob n. 11971/1999, in caso di offerta pubblica di acquisto o di scambio, dopo la pubblicazione di una offerta concorrente o di un rilancio:

A) le adesioni alle altre offerte non sono revocabili;

B) le adesioni alle altre offerte sono revocabili;

C) le adesioni alle altre offerte sono revocate di diritto;

D) le adesioni alle altre offerte sono nulle.

 

12) Si definisce small cap”:

A) un titolo a bassa capitalizzazione;

B) uno strumento finanziario derivato su tassi di interesse;

C) una emissione obbligazionaria emessa con un controvalore basso;

D) un contratto di opzione call su tasso di interesse.

 

13) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, nei giudizi di risarcimento dei danni cagionati al cliente nello svolgimento dei servizi di investimento e di quelli accessori:

A) spetta al cliente l’onere della prova che il soggetto abilitato non ha agito con la specifica diligenza richiesta, salva l’ipotesi in cui quest’ultimo si sia avvalso dell’operato di un promotore finanziario;

B) spetta sempre al cliente l’onere della prova che il soggetto abilitato non ha agito con la specifica diligenza richiesta;


C) spetta al soggetto abilitato l’onere della prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta;

D) spetta al soggetto abilitato l’onere della prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta, salva l’ipotesi in cui si sia avvalso dell’operato di un promotore finanziario.

 

14) Ai sensi del codice civile, è ammesso l’ammortamento dei titoli di credito al portatore smarriti o sottratti?

A) No, salvo disposizioni di legge speciali;

B) No, mai;

C) Sì, sempre;

D) Sì, se è stata fatta denuncia all’emittente dello smarrimento o della sottrazione del titolo al portatore.

 

15) Per obbligazione strutturata si intende:

A) Un’obbligazione zero coupon;

B) Un’obbligazione che include una componente derivativa;

C) Uno strumento composto da sole componenti strutturate;

D) Un forward abbinato ad un’opzione.

 

16) Ai sensi del regolamento Consob n. 11522/1998, prima dell’inizio della prestazione di servizi accessori collegati a servizi di investimento, il promotore finanziario deve consegnare all’investitore il documento sui rischi generali degli investimenti in strumenti finanziari?

A) Si, ma solo se il servizio accessorio collegato al servizio di investimento è l’intermediazione in cambi;

B) No, perché trattandosi di servizi accessori non si applica la disciplina relativa alla prestazione dei servizi di investimento;

C) Si, ma solo se l’investitore lo chiede espressamente;

D) Si, in ogni caso.

 

17) Dal momento del recesso dal contratto di gestione di portafogli, gli intermediari autorizzati:

A) in nessun caso possono eseguire le operazioni già disposte dall’investitore e non ancora eseguite;

B) in nessun caso possono compiere atti sul patrimonio gestito, anche quando detti atti si rendano necessari al fine di assicurare la conservazione del patrimonio stesso;

C) possono eseguire le operazioni già disposte dall’investitore e non ancora eseguite, anche se le stesse sono già state revocate;

D) non possono compiere atti di gestione sul patrimonio gestito, salvo che detti atti si rendano necessari al fine di assicurare la conservazione del patrimonio stesso.

 

18) Gli intermediari autorizzati possono effettuare operazioni con o per conto della propria clientela se hanno direttamente o indirettamente un interesse in conflitto?

A) Sì, ma soltanto nel caso di operazioni effettuate nell’ambito del servizio di gestione su base individuale di portafogli di investimento;

B) No, in nessun caso;

C) No, a meno che non abbiano preventivamente informato per iscritto l’investitore sulla natura e l’estensione del loro interesse nell’operazione e l’investitore non abbia acconsentito per iscritto all’effettuazione dell’operazione;

D) Sì, previo consenso anche verbale dell’investitore all’effettuazione dell’operazione.


 

19) Il “Vega” di una opzione esprime la sensibilità del valore dell’opzione:

A) al ridursi della vita residua;

B) al variare della volatilità dell’attività sottostante;

C) al variare dei tassi di interesse;

D) al trascorrere del tempo.

 

20) Nello svolgimento dei servizi di investimento le banche:

A) possono, previo consenso scritto, agire in nome proprio e per conto del cliente;

B) possono soltanto agire in nome e per conto del cliente;

C) possono soltanto agire in nome proprio e per conto del cliente;

D) non possono mai agire in nome proprio e per conto del cliente.

 

21) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, il fondo comune di investimento è gestito:

A) esclusivamente da una società di gestione del risparmio che non lo ha istituito;

B) esclusivamente dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito;

C) dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito o da altra società di gestione del risparmio;

D) esclusivamente da una impresa di investimento.

 

22) Le obbligazioni drop-lock:

A) non hanno diritto a cedole di interessi, per cui il loro rendimento è dato unicamente dalla differenza tra il prezzo di sottoscrizione e il prezzo di rimborso;

B) collegano il valore di rimborso all’andamento di un indice di performance del mercato borsistico;

C) prevedono una clausola di garanzia in base alla quale se il tasso variabile scende al di sotto di un determinato limite viene comunque garantito un tasso fisso;

D) sono associate a facoltà di acquisto o di sottoscrizione di strumenti della stessa società emittente o di altre società.

 

23) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, nello svolgimento del servizio di gestione di portafogli di investimento possono l’impresa di investimento, la società di gestione del risparmio o la banca contrarre obbligazioni per conto del cliente che lo impegnino oltre il patrimonio gestito?

A) No, in nessun caso;

B) No, salvo specifica istruzione scritta del cliente;

C) Sì, in ogni caso;

D) Sì, anche in assenza di una specifica istruzione scritta del cliente nel caso di gestione di portafogli a prevalente componente azionaria.

 

24) A norma del codice civile, l’alienazione delle cose assicurate:

A) è causa di nullità del contratto di assicurazione;

B) è causa di scioglimento del contratto di assicurazione;

C) è causa di annullamento del contratto di assicurazione;

D) non è causa di scioglimento del contratto di assicurazione.

 

25) Con riferimento a strumenti finanziari a reddito fisso, il tasso di rendimento immediato si calcola come:

A) il rapporto tra la cedola nominale e il prezzo corrente, al corso secco;

B) il rendimento al netto degli oneri fiscali e delle commissioni di intermediazione;

C) il rapporto tra la cedola nominale e il valore nominale dello strumento finanziario;


D) il tasso di attualizzazione che eguaglia il valore attuale netto dell’investimento a zero.

 

26) Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, la delega di voto nelle società italiane con azioni quotate in mercati regolamentati italiani:

A) può esser rilasciata in bianco in ogni caso;

B) non può esser rilasciata in bianco

C) può esser rilasciata in bianco soltanto se conferita per l’assemblea ordinaria;

D) può esser rilasciata in bianco soltanto se conferita per l’assemblea straordinaria.

 

27) Cosa si intende con l’espressione mark-to-market?

A) La valorizzazione ai prezzi futuri attesi;

B) La valorizzazione di uno strumento o contratto finanziario al valore di iscrizione in bilancio rettificato per eventuali fondi rischi;

C) La valorizzazione di uno strumento o contratto finanziario al prezzo storico di acquisto;

D) La valorizzazione di uno strumento o contratto finanziario ai prezzi correnti di mercato.

 

28) Ai sensi del codice civile, salvo diverse disposizioni di legge, un titolo di credito nominativo può essere trasferito anche mediante girata?

A) Sì, a condizione che la girata non sia datata e non contenga l’indicazione del giratario;

B) Sì, in ogni caso;

C) No, in nessun caso;

D) Sì, se la girata è autenticata da un notaio o da un agente di cambio.

 

29) Con il termine ETF (Exchange Traded Fund) si intende:

A) un contratto di opzione su un indice di fondi comuni di investimento;

B) un mercato azionario gestito da Borsa Italiana S.p.A.;

C) un fondo comune di investimento, trattato nei mercati regolamentati, che replica un benchmark predefinito;

D) un mercato di negoziazione di strumenti finanziari c.d. “Over-the-counter”.

 

30) Con l’espressione obbligazione step-upsi intende:

A) un’obbligazione che prevede la facoltà dell’emittente di consegnare i titoli sottostanti in luogo del nominale qualora durante la vita del titolo il valore del sottostante sia sceso al di sotto di un certo valore prefissato;

B) un’obbligazione con struttura cedolare predeterminata e con cedole crescenti nel tempo;

C) un’obbligazione con struttura cedolare variabile, collegata all’andamento di un titolo sottostante;

D) un’obbligazione assistita dalla clausola knock-in.




Sessioni d'esame
--------------------
Simula la prova d'esame
--------------------
Aggiornamenti online
--------------------
Codici Deontologici
--------------------
Normativa
--------------------
Glossario
--------------------
Siti di interesse
--------------------
Newsletter
--------------------
La nostra pubblicità
--------------------
Contattaci
--------------------
Home Page




56 - Manuale del Consulente Finanziario
Programma completo per la prova d'esame



Save the Children Italia Onlus