SOLUZIONI DELLA III SESSIONE 2008: PROVA D'ESAME DEL 14 NOVEMBRE 2008

le risposte esatte sono in grassetto

1. Ai sensi dell'art. 82, comma 2, del regolamento Consob n. 16190/2007, nell'offerta fuori sede e nella promozione e collocamento a distanza di servizi di investimento altrui:

A) il promotore finanziario e l'intermediario sono responsabili in solido della completezza e dell'accuratezza delle informazioni trasmesse al soggetto che presta il servizio;

B) il promotore finanziario è responsabile in via esclusiva della completezza e dell'accuratezza delle informazioni trasmesse al soggetto che presta il servizio;

C) l'intermediario è responsabile della completezza e dell'accuratezza delle informazioni trasmesse al soggetto che presta il servizio;

D) l'intermediario non è responsabile della completezza e dell'accuratezza delle informazioni trasmesse al soggetto che presta il servizio.

2. Le imprese di investimento comunitarie:

A) non possono esercitare in Italia i servizi ammessi al mutuo riconoscimento, salvo autorizzazione della Banca d'Italia;

B) non possono esercitare in Italia i servizi ammessi al mutuo riconoscimento, salvo autorizzazione della Consob;

C) possono esercitare in Italia i servizi ammessi al mutuo riconoscimento solo se stabiliscono delle succursali sul territorio italiano;

D) possono esercitare in Italia i servizi ammessi al mutuo riconoscimento senza stabilirvi succursali, a condizione che la Consob sia stata informata dall'Autorità dello Stato membro d'origine.

3. Un "ETC" (Exchange Traded Commodities) è:

A) uno strumento finanziario emesso a fronte dell'investimento diretto o indiretto in merci;

B) un OICR passivo armonizzato quotato;

C) un OICR passivo armonizzato anche non quotato;

D) un OICR armonizzato che non replica un indice.

4. Ai sensi dell'art. 18, comma 8, del regolamento Consob n. 10629/1997, il promotore finanziario cancellato dall'Albo a seguito di radiazione deliberata dalla Consob, può essere nuovamente iscritto all'Albo?

A) Sì, a domanda dell'interessato, purché siano decorsi almeno cinque anni dalla data della cancellazione;

B) Sì, a domanda dell'interessato, purché siano decorsi almeno dieci anni dalla data della cancellazione;

C) No, mai;

D) Sì, in ogni tempo.

5. Nell'ambito dei servizi di investimento diversi da quelli di consulenza in materia di investimenti e di gestione di portafogli, qualora il cliente scelga di non fornire le informazioni in merito alla propria conoscenza ed esperienza nel settore d'investimento rilevante per il tipo di strumento o servizio proposto o chiesto:

A) gli intermediari possono prestare il servizio di investimento solo dopo aver dato comunicazione alla Consob del fatto che il servizio verrà svolto senza aver ottenuto le informazioni dal cliente;

B) gli intermediari possono prestare il servizio di investimento solo dopo che il cliente abbia acconsentito espressamente per iscritto alla prestazione del servizio stesso;

C) gli intermediari si astengono sempre dal prestare il servizio di investimento;

D) gli intermediari avvertono il cliente che tale decisione impedirà loro di determinare se il servizio o lo strumento sia per lui appropriato.

6. Il guadagno massimo per il venditore di un'opzione "put" è pari:

A) allo strike price;

B) allo strike price meno il premio ricevuto;

C) al premio ricevuto;

D) al prezzo di mercato del sottostante alla scadenza.

7. Ai sensi dell'art. 31, comma 4, del D.lgs. n. 58/1998, l'Organismo che provvede alla tenuta dell'Albo unico dei promotori finanziari:

A) ha personalità giuridica ed è costituito dalla Consob;

B) ha personalità giuridica ed è ordinato in forma di associazione, con autonomia organizzativa e statutaria;

C) ha personalità giuridica ed è costituito esclusivamente dalle associazioni professionali rappresentative dei soggetti abilitati;

D) ha personalità giuridica ed è costituito esclusivamente dalle associazioni professionali rappresentative dei promotori finanziari.

8. Le SGR, relativamente agli OICR da esse gestiti:

A) non possono affidare ad altre SGR scelte di investimento;

B) con apposito contratto scritto possono affidare ad altre SGR scelte di investimento nel quadro di criteri di allocazione del risparmio da esse definiti di tempo in tempo;

C) con apposito contratto scritto possono affidare ad una SIM autorizzata al solo servizio di ricezione e trasmissione di ordini la gestione della totalità del patrimonio degli OICR gestiti;

D) con apposito contratto scritto possono affidare ad altre SGR scelte di investimento solo previa autorizzazione del Ministro dell'Economia e delle Finanze, sentita la Banca d'Italia e la Consob.

9. Ai sensi dell'art. 1838 del codice civile, nel contratto di deposito di titoli in amministrazione le somme riscosse dalla banca:

A) sono acquisite dalla stessa banca depositaria;

B) devono essere accreditate al depositante;

C) devono essere accreditate in ogni caso ad un custode nominato dall'Autorità Giudiziaria;

D) devono essere accreditate in ogni caso ad un amministratore nominato dall'Autorità Giudiziaria.

10. Applicare ad un investimento il "mark-to-market" significa:

A) valorizzare l'investimento a prezzi di mercato;

B) valorizzare l'investimento al costo storico;

C) valorizzare l'investimento al costo storico oppure a prezzi di mercato a seconda dell'andamento della volatilità dei corsi azionari;

D) valorizzare l'investimento utilizzando esclusivamente modelli matematici per le serie storiche dei prezzi rilevati sui mercati azionari.

11. Gli intermediari, se in linea con il principio di proporzionalità, istituiscono e mantengono funzioni permanenti, efficaci e indipendenti di gestione del rischio, alle quali è assegnato il compito di:

A) presentare agli organi aziendali, almeno una volta all'anno, relazioni sulle questioni relative alla revisione interna;

B) adottare, applicare e mantenere un piano di audit per l'esame e la valutazione dell'adeguatezza e dell'efficacia dei sistemi, dei processi, delle procedure e dei meccanismi di controllo dell'intermediario;

C) verificare l'adeguatezza e l'efficacia delle misure prese per rimediare alle carenze riscontrate nel sistema di gestione del rischio dell'impresa;

D) definire in modo chiaro i compiti e le responsabilità delle strutture e delle funzioni aziendali.

12. L'efficacia dei contratti di collocamento di strumenti finanziari o di gestione di portafogli individuali conclusi fuori sede è:

A) sospesa sino all'invio di una conferma scritta da parte dell'investitore;

B) sospesa per un periodo di tempo liberamente concordato tra il promotore e l'investitore;

C) sospesa per la durata di sette giorni decorrenti dalla data di sottoscrizione da parte dell'investitore;

D) sospesa per la durata di dieci giorni decorrenti dalla data di ricezione dell'ordine da parte dell'intermediario.

13. Un "credit default swap" è un contratto con cui:

A) due parti si scambiano flussi di cassa periodici calcolati sulla base di tassi di interesse differenti su un nozionale di riferimento;

B) due parti si scambiano periodicamente capitale e interessi espressi in una divisa contro capitale e interessi espressi in un'altra divisa;

C) una parte, a fronte di un premio versato, ha diritto di ricevere dalla controparte, alla data di scadenza, la differenza (se positiva) tra un tasso di mercato e un tasso prefissato;

D) una parte, a fronte di un premio versato periodicamente, ha diritto di ricevere dalla controparte un pagamento in occasione di un evento relativo ad un credito cui il contratto è riferito (ad esempio in occasione del fallimento del debitore).

14. Ai sensi dell'art. 75, lett. a), del regolamento Consob n. 16190/2007, le SGR e le SICAV mettono a disposizione degli investitori i prospetti periodici dell'OICR e i dati sul suo rendimento percentuale nel periodo di riferimento:

A) nei luoghi e con le modalità indicate nel regolamento di gestione e, ove previsto, nel prospetto informativo;

B) nei luoghi e con le modalità stabilite dalla Consob;

C) nei luoghi e con le modalità stabilite dalla Consob d'intesa con la Banca d'Italia;

D) nei luoghi e con le modalità indicate nel regolamento del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

15. Ai sensi dell'art. 138 del D.lgs. n. 58/1998, la sollecitazione delle deleghe di voto è effettuata:

A) direttamente dal committente, mediante la diffusione di un prospetto e di un modulo di delega;

B) dall'intermediario, su incarico del committente, mediante la diffusione di un prospetto e di un modulo di delega;

C) dall'intermediario e dal committente mediante la diffusione di un prospetto e di un modulo di delega;

D) dall'intermediario, dal committente e dalle associazioni di azionisti, mediante la diffusione di un prospetto e di un modulo di delega.

16. Ai sensi dell'art. 53 del regolamento Consob n. 16190/2007, gli intermediari, nella prestazione dei servizi di esecuzione di ordini, di ricezione e trasmissione di ordini, nonché di collocamento, ivi inclusa l'offerta fuori sede, devono:

A) valutare che la specifica operazione consigliata o realizzata corrisponda agli obiettivi di investimento del cliente;

B) fornire prontamente al cliente, su supporto duraturo, le informazioni essenziali riguardanti l'esecuzione dell'ordine;

C) astenersi dal prestare i servizi se il cliente non fornisce informazioni in merito ai propri impegni finanziari;

D) astenersi dal prestare i servizi se il cliente non fornisce informazioni in merito alla consistenza del proprio reddito.

17. Ai sensi dell'art. 55, comma 1, del D.lgs n. 58/1998, la Consob può disporre in via cautelare la sospensione del promotore finanziario dall'esercizio dell'attività per un periodo massimo di sessanta giorni:

A) in caso di temporaneo trasferimento all'estero del domicilio da parte del promotore;

B) in caso di mancato pagamento del contributo di vigilanza;

C) in caso di necessità e urgenza, qualora sussistano elementi che facciano presumere l'esistenza di gravi violazioni di legge ovvero di disposizioni generali o particolari impartite dalla Consob;

D) soltanto se il promotore finanziario assuma la qualità di imputato ai sensi dell'art. 60 del codice di procedura penale.

18. Il "delta" di un'opzione:

A) è fisso ed è sempre pari a uno;

B) rappresenta la sensibilità nel tempo del premio di un'opzione;

C) rappresenta la sensibilità del premio dell'opzione rispetto a variazioni della volatilità del sottostante;

D) rappresenta la sensibilità del valore dell'opzione rispetto alle variazioni del sottostante.

19. Ai sensi dell'art. 55 del regolamento Consob n. 16190/2007, gli intermediari che svolgono il servizio di gestione di portafogli per clienti al dettaglio o amministrano conti di clienti al dettaglio che includono una posizione aperta scoperta su operazioni con passività potenziali:

A) comunicano al cliente eventuali perdite che superino una soglia predeterminata convenuta tra l'intermediario e il cliente;

B) provvedono immediatamente a liquidare la posizione del cliente;

C) trasmettono al cliente un avviso su supporto duraturo recante ipotesi e previsioni circa i risultati futuri dell'investimento;

D) ne danno comunicazione alla Consob.

20. Ai sensi dell'art. 102 del D.lgs. n. 58/1998, in materia di offerte pubbliche di acquisto o di scambio, la Consob, entro quindici giorni dalla presentazione del documento d'offerta:

A) ne cura la diffusione se esso è idoneo a consentire ai destinatari di pervenire ad un fondato giudizio sull'offerta;

B) lo approva se esso è idoneo a consentire ai destinatari di pervenire ad un fondato giudizio sull'offerta;

C) ne delibera l'iscrizione in apposito registro tenuto presso le Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura se esso è idoneo a consentire ai destinatari di pervenire ad un fondato giudizio sull'offerta;

D) provvede direttamente all'integrazione del documento d'offerta, senza necessità di richiedere all'offerente informazioni supplementari.

21. Ai sensi dell'art. 17 del regolamento Consob n. 16191/2007, gli strumenti finanziari che cessano di rispettare le regole del mercato regolamentato nel quale sono negoziati, tenendo conto degli obiettivi di tutela degli investitori e di ordinato funzionamento del mercato, possono essere sospesi o esclusi dalle negoziazioni:

A) dalla Banca d'Italia;

B) dalla Consob;

C) da Borsa Italiana S.p.A.;

D) dalla società che organizza e gestisce il mercato regolamentato.

22. Ai sensi dell'art. 110, comma 2, del regolamento Consob n. 16190/2007, quale delle seguenti sanzioni è prevista nei confronti del promotore che non verifica l'identità del cliente o del potenziale cliente prima di raccoglierne le sottoscrizioni o le disposizioni?

A) il richiamo scritto;

B) la sanzione pecuniaria da euro 516 a euro 25.823;

C) la sospensione dall'albo da uno a quattro mesi;

D) la radiazione.

23. L'Euribor è una misura:

A) del tasso di rendimento medio delle obbligazioni bancarie in euro;

B) del tasso di interesse a breve termine corrisposto sui depositi interbancari in euro;

C) del tasso di rendimento medio dei titoli di Stato in euro con maturity non superiore ai tre mesi;

D) del tasso di rendimento medio delle polizze assicurative index-linked emesse nell'area dell'euro.

24. Ai fini della valutazione di un fondo di investimento a gestione attiva, quale informazione ottiene il risparmiatore dal "benchmark" inserito nel prospetto informativo?

A) L'indicazione del mercato di investimento considerato dal gestore e del profilo di rischio del fondo;

B) L'individuazione dell'esatta composizione del paniere dei titoli che deve essere inserito nel fondo;

C) L'individuazione del massimo rendimento storico del fondo;

D) La conoscenza della massima perdita potenziale del fondo.

25. Ai sensi del Regolamento del Governatore della Banca d'Italia del 14 aprile 2005, esiste una differenza tra il totale attivo di un fondo comune di investimento armonizzato ed il suo valore complessivo netto?

A) No;

B) Sì, il totale attivo è inferiore al valore complessivo netto a causa dei debiti assunti per conto del fondo;

C) Sì, il totale attivo può essere superiore o inferiore rispetto al valore complessivo netto, a seconda del flusso delle sottoscrizioni nette;

D) Sì, il totale attivo è superiore rispetto al valore complessivo netto a causa di tutti i debiti assunti dal fondo.

26. Ai sensi dell'art. 1823 del codice civile, il conto corrente è il contratto col quale:

A) le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse, considerandoli inesigibili e indisponibili fino alla chiusura del conto;

B) la banca si obbliga a tenere a disposizione dell'altra parte una somma di denaro per un dato periodo di tempo o a tempo indeterminato;

C) la banca, previa deduzione dell'interesse, anticipa al cliente l'importo di un credito verso terzi non ancora scaduto, mediante la cessione, salvo buon fine, del credito stesso;

D) una parte consegna all'altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e l'altra si obbliga a restituirne altrettante della stessa specie e qualità.

27. Ai sensi dell'art. 107 del regolamento Consob n. 16190/2007, i promotori finanziari:

A) devono rispettare le procedure e i codici interni di comportamento del soggetto abilitato che ha conferito l'incarico;

B) devono rispettare le procedure e i codici interni di comportamento del soggetto abilitato che ha conferito l'incarico soltanto se le procedure ed i codici interni sono stati autorizzati dalla Consob;

C) possono avvalersi delle procedure e dei codici interni di comportamento del soggetto abilitato che ha conferito l'incarico soltanto se le procedure ed i codici interni sono stati autorizzati dalla Consob;

D) possono avvalersi delle procedure e dei codici interni di comportamento del soggetto abilitato che ha conferito l'incarico soltanto se le procedure ed i codici interni sono stati autorizzati dalla Banca d'Italia.

28. A quale rischio si espone un soggetto che ha venduto un "interest rate floor"?

A) al rischio di insolvenza della controparte;

B) al rischio di rialzi del tasso di interesse;

C) al rischio di ribassi del tasso di interesse;

D) al rischio di rialzo del mercato azionario.

29. Ai sensi del D.M. n. 228/1999, la richiesta di quotazione dei certificati rappresentativi delle quote dei fondi chiusi:

A) è sempre obbligatoria;

B) è obbligatoria quando i fondi prevedono che l'ammontare minimo della sottoscrizione sia inferiore a venticinquemila euro;

C) è obbligatoria quando i fondi prevedono che l'ammontare minimo della sottoscrizione sia superiore a venticinquemila euro;

D) non è mai obbligatoria.

30. Con l'espressione obbligazione "subordinata" s'intende:

A) un'obbligazione con struttura cedolare variabile, collegata all'andamento di un titolo sottostante;

B) un'obbligazione con struttura cedolare predeterminata e con cedole decrescenti nel tempo;

C) un'obbligazione con struttura cedolare predeterminata e con cedole crescenti nel tempo;

D) un'obbligazione che, in caso di insolvenza dell'emittente, viene rimborsata solo dopo che sono stati rimborsati gli altri debiti senior dell'emittente.

 




Sessioni d'esame
--------------------
Simula la prova d'esame
--------------------
Aggiornamenti online
--------------------
Codici Deontologici
--------------------
Normativa
--------------------
Glossario
--------------------
Siti di interesse
--------------------
Newsletter
--------------------
La nostra pubblicità
--------------------
Contattaci
--------------------
Home Page




56 - Manuale del Consulente Finanziario
Programma completo per la prova d'esame



Save the Children Italia Onlus